Benefici del massaggio con le pietre

Il massaggio Hot Stone prevede l’utilizzo di pietre laviche di basalto levigate, maneggiate come “prolungamento” del terapista o appoggiate sulla pelle del cliente. Consiste in una tecnica molto particolare di manipolazione che deriva dall’incontro della cultura ayurvedica con quella sciamanica degli indiani.

 

Origini

 

Questo tipo di massaggio era in origine praticato dai nativi americani.La versione moderna “hot stone” è stata creata da una terapista seguace dell’onda new age, Mary Hannigan Nelson, proveniente dall’Arizona. Sotto il nome di LaStone Therapy, il massaggio inventato da Mary prevedeva un mix tra elementi mistici e spirituali e conoscenze antiche prese dai nativi. Solo chi è in possesso di specifica certificazione può esercitare questa pratica, che richiede cinquantaquattro pietre calde, necessarie per riequilibrare i chakra, e diciotto pietre fredde, allo scopo di stimolare il sistema nervoso.

 

Svolgimento delle sedute

 

Ogni seduta ha una durata di circa un’ora. Come si può facilmente dedurre dal nome, prevede l’uso di pietre che vengono precedentemente riscaldate in scaldini appositi a 60-70°. Le pietre hanno caratteristiche particolari necessarie per la buona riuscita del massaggio: sono levigate, di diversa forma e dimensione per le varie aree del corpo che verranno trattate e hanno la capacità di trattenere il calore per un tempo maggiore rispetto ad altri tipi di pietre, rilasciandolo lentamente.

Inoltre è possibile applicare un olio per massaggi che faciliterà il movimento delle pietre sulla cute.

Il massaggio può essere più o meno delicato, in base a come viene usata la pietra: “di taglio” o “piatta”.

A fine trattamento solitamente al cliente viene offerto un tè o una tisana con miele perchè il massaggio comporta una notevole perdita di liquidi e sostanze come minerali, zuccheri e vitamine.

 

Benefici

 

Il massaggio con le pietre calde è associato a numerosi benefici: ha un grande potere decontratturante e rilassante. Le elevate temperatura provocano vasodilatazione, riducono eventuali infiammazioni e migliorano la circolazione sanguigna. Il calore delle pietre, lentamente rilasciato, rappresenta una sorta di energia infusa nel corpo del cliente, un richiamo al calore materno, alla forza vitale stimolata attraverso i chakra.

Più nello specifico è consigliato per:

ridurre rigidità muscolari e migliorare la mobilità delle articolazioni, stimolare la circolazione sanguigna ma anche quella linfatica; favorire il ricambio cellulare della cute, con conseguente effetto levigante; ridurre la sintomatologia di malattie respiratorie quali bronchiti e sinusiti; combattere stress, depressione e insonnia.

Nel complesso stimola benessere e rilassamento, con effetti positivi sul tono dell’umore, sensibilità e autostima.

 

Controindicazioni

 

In alcune situazioni, il massaggio hot stone sarebbe da evitare. Per esempio in clienti che riferiscono diabete, ferite aperte o lesioni cutanee, infiammazioni acute (in particolare quelle dei vasi linfatici), traumi, patologie cardiache, neoplasie. Anche la fragilità capillare sarebbe una controindicazione, ma in questo caso si possono usare pietre fredde bianche, solitamente di marmo.

Rispondi